Per offrirti il miglior servizio possibile Energia Digitale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies. Maggiori informazioni qui.

Salta al contenuto

Cyber-security: trend, GDPR e nuovi mercati

Pubblicato il: 03/05/2018

Secondo i dati raccolti dall'Osservatorio del Politecnico di Milano, il mercato della sicurezza in rete nel 2016 ha raggiunto i 972 milioni di euro, con un aumento annuo del 5%. Nuove tecnologie, software, servizi di consulenza e attività gestionali sono i principali campi d'azione che interessano le soluzioni di cyber-security. 
Alla guida il Chief Information Security Officer (CISO), che per il 46% risulta una figura ormai formalizzata all'interno delle aziende e fa riferimento al reparto informatico. 

Le attività di sicurezza in rete risultano sempre più importanti; per questo le realtà del settore si stanno impegnando non soltanto ad implementare sistemi e tecnologie, ma anche a sensibilizzare sui nuovi problemi online attraverso comunicazioni periodiche, corsi di formazione, distruzione di materiale informazione e quindi attraverso la definizione di progetti strutturati. 

L'IMPATTO DEI NUOVI TREND 
Gli interventi di sicurezza online stanno interessando settori e azioni diverse. Il Cloud Security viene attivato al 70%; quasi al pari del Mobile Security (74%); rimane indietro invece l'intervento nel campo dell'Internet of Things Security, con solo il 13% delle azioni messe in campo. Chiudono la serie la Cyber Intelligence e la Cyber Insurance: due campi d'azione importanti rispetto all'utilizzo e all'analisi di dati e alla copertura assicurativa nelle attività online. 

QUANDO ARRIVA IL GDPR
La richiesta di adeguamento normativo nei confronti delle aziende rispetto a raccolta ed uso dei dati impatta notevolmente anche nel campo della sicurezza online. Il 46% delle aziende coinvolte dall'analisi dell'Osservatorio sta svolgendo ricerca per attuare piani di allineamento con le richieste delle istituzioni. Segue il 22% che non conosce le implicazioni del pacchetto GDPR, ma non ritiene l'adeguamento un'urgenza. Le restanti aziende si trovano molto spiazzate di fronte all'introduzione di queste norme, se pensiamo che soltanto il 9% è pronto al cambiamento attraverso piani di adeguamento già in attivo

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere via email gli aggiornamenti sui nuovi contenuti e sulle iniziative di Energia Digitale, iscriviti alla newsletter periodica.

Il tuo contributo è importante!

Cercheremo di migliorare continuamente Energia Digitale. Per questo ci farebbe piacere ricevere un tuo parere sul progetto e un suggerimento su quali contenuti ti interessano maggiormente rispetto al digitale. Ci dai una mano?