Per offrirti il miglior servizio possibile Energia Digitale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies. Maggiori informazioni qui.

Salta al contenuto

Ancora più digitale per il retail italiano: lo dice una ricerca

Pubblicato il: 12/12/2017

Secondo l’indagine del Retail Institute in collaborazione con Microsoft, l’82% dei commercianti è impegnato o si impegnerà a breve (il 9%) in progetti di trasformazione digitale, come soluzione per rimanere competitivi sul mercato. 

Sono infatti le richieste del settore business che spingono i singoli retailer ad innovare e integrare il modo tradizionale di fare impresa con i nuovi canali digitali. Nasce infatti una nuova consapevolezza rispetto al modo in cui si muovono i mercati verso il futuro: i vecchi modelli di marketing non sono più sufficienti, come non risultano più sufficienti nemmeno i flussi di lavoro tra persone, macchine e processi. Il digitale impone un cambiamento e allo stesso tempo ne è soluzione. 

Secondo la ricerca presentata questo mese in occasione di “Digital Difference in Retail”, il primo obiettivo dell’implementazione del digitale riguarda la possibilità di ridurre le distanze, non soltanto logistiche, ma anche e soprattutto di processo tra i team interni e le realtà esterne di mercato. I cambiamenti attesi sono di varia natura: 

  • aumento della produttività: il 67% del campione intervistato ritiene che potrà registrare un incremento produttivo
  • migliore esperienza cliente: il 58% dei retailer crede che le leve del digitale siano in grado di rispondere alle necessità dell’utente 
  • maggiore coinvolgimento dei clienti: il 57% confida nei nuovi canali digitali come strumenti più efficaci anche dal punto di vista della fidelizzazione
  • migliore comprensione del mercato: sfruttare i dati dal web permette ai retailer di prevedere i trend, secondo quanto sostiene il 48% degli intervistati
  • innovazione di prodotto e servizio: il 47% dei commercianti si affida al digitale anche per innovare e customizzare le proprie attività di business in base alle esigenze del mercato e degli acquirenti

Per raggiungere queste aspettative, l’indagine poi evidenzia i settori di sviluppo principali della digital transformation che interessa e interesserà il mondo del retail. In particolare si parla di Business Intelligence, per utilizzare i dati e prevedere le esigenze dei consumatori; e di Cloud Computing che consente ai retailer di potenziare i propri processi di business e accedere in modo flessibile a tecnologie complesse. Seguono poi l’Internet of Things e il Machine Learning come chiavi ulteriori dell’integrazione del digital nel comparto commerciale.

Sempre dalla ricerca, i retailer sembrano interessarsi di Social Engagement, Customer Relationship Management e Predictive Analytics, altri canali utili per “lavorare in digitale”. Si tratta di attenzioni sempre più mirate che evidenziano una crescita di consapevolezza per il settore retail italiano: si tratta di sfruttare l’innovazione tecnologica per sostenere la crescita e l’internazionalizzazione del comparto del Made in Italy.

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere via email gli aggiornamenti sui nuovi contenuti e sulle iniziative di Energia Digitale, iscriviti alla newsletter periodica.

Il tuo contributo è importante!

Cercheremo di migliorare continuamente Energia Digitale. Per questo ci farebbe piacere ricevere un tuo parere sul progetto e un suggerimento su quali contenuti ti interessano maggiormente rispetto al digitale. Ci dai una mano?