Per offrirti il miglior servizio possibile Energia Digitale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies. Maggiori informazioni qui.

Salta al contenuto
Indietro

Produttività maggiore negli ambienti di lavoro digitali

Produttività maggiore negli ambienti di lavoro digitali

Pubblicato il: 14/06/2018

Secondo lo studio condotto da Aruba "The Right Technologies Unloc the Potential of the Digital Workplace", chi lavora in luoghi digitali e innovativi è più produttivo e motivato. Ne consegue che le aziende meno avanzate tecnologicamente sentono maggior competizione poiché non in grado di attirare i nuovi talenti. 
Positivo o meno il risultato, l'introduzione del digitale all'interno delle imprese richiede una certa attenzione in termini di dati e cybersecurity

Rivoluzionari digitali”: così la ricerca identifica i dipendenti che lavorano in ambienti dove le nuove tecnologie vengono usate appieno.
Il 65% ha riferito inoltre di aver registrato uno sviluppo e una crescita professionale attraverso l’uso della tecnologia digitale rispetto al 31% dei ritardatari. Il 72% dei rivoluzionari ha segnalato una maggiore capacità di adottare nuove skill lavorative rispetto al 58% dei ritardatari. Il 73% registra inoltre un impatto positivo sulla propria produttività e il 70% ha citato una collaborazione migliorata grazie alle tecnologie digitali, contro il 55% dei ritardatari.

Se è vero che l’automazione può essere percepita come una minaccia per la conservazione del posto di lavoro, la ricerca rivela anche un certo entusiasmo nei confronti dell’evoluzione tecnologica. Il 71% degli intervistati ha dichiarato di essere favorevole ad un ambiente di lavoro completamente automatizzato che consenta alle organizzazioni di creare ambienti più intelligenti e più funzionali.

Nonostante questo, sebbene i dipendenti abbiano segnalato livelli più elevati di consapevolezza in materia di sicurezza informatica (il 52% pensa spesso alla sicurezza o giornalmente), hanno anche ammesso di correre rischi maggiori con i dati e i dispositivi aziendali. E il 70% ammette comportamenti rischiosi come la condivisione di password e dispositivi. Il 25% dei dipendenti si è connesso a un Wi-Fi aperto potenzialmente pericoloso negli ultimi dodici mesi, il 20% ha affermato di utilizzare la stessa password su più applicazioni e account e il 17% ha ammesso di scrivere password per ricordarle.

Adottare una strategia digitale per i luoghi di lavoro, progettare spazi digitali collaborativi e “incorporare” la sicurezza sin dall’inizio: sono queste le tre leve su cui le aziende dovranno fare forza, integrando i reparti IT, quelli manageriali, insieme agli utenti finali e tutte le parti interessate per definire una roadmap per l’evoluzione del posto di lavoro digitale.


Iscriviti alla newsletter

Per ricevere via email gli aggiornamenti sui nuovi contenuti e sulle iniziative di Energia Digitale, iscriviti alla newsletter periodica.

Il tuo contributo è importante!

Cercheremo di migliorare continuamente Energia Digitale. Per questo ci farebbe piacere ricevere un tuo parere sul progetto e un suggerimento su quali contenuti ti interessano maggiormente rispetto al digitale. Ci dai una mano?