Per offrirti il miglior servizio possibile Energia Digitale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies. Maggiori informazioni qui.

Salta al contenuto
Indietro

Business Thinking: quando le competenze tecniche non sono sufficienti

Business Thinking: quando le competenze tecniche non sono sufficienti

Pubblicato il: 17/10/2018

Da un'ultima ricerca rilasciata da EY, IAB e Spencer Stuart i profili professionali più richiesti sono quelli che abbinano le skills tecniche ad attitudini manageriali. I risultati infatti sono chiari: le aziende, sempre più proiettate ad innovazioni future a partire dal digitale, cercano nei candidati tanto le competenze specifiche quanto una propensione alla gestione e al "business thinking". 

DALLE SKILLS TECNICHE ALLA CAPACITA' DI COMPRENDERE SITUAZIONI E CONTESTI 

Il 62% delle imprese vede il digitale come elemento incisivo sul business interno ed esterno; per questo 9 aziende su 10 ricercano profili digitali e innovativi. Ne risulta che le nuove risorse impiegate nei settori digitali e d'innovazione devono rispondere a necessità quali: 

- analizzare il contesto aziendale e l'ambiente entro cui si muove il business dell'impresa, così come comprendere l'impatto del digitale all'interno dell'azienda stessa

- identificare le professionalità e le risorse materiali necessarie per innovare il business aziendale e muoversi verso il futuro 

- comprendere come stanno quindi evolvendo i modelli organizzativi e il ruolo dei manager, quindi individuare nuove competenze da introdurre all'interno dell'ambiente aziendale


COMPETENZE TRASVERSALI E NUOVI PROFESSIONISTI 

In altre parole, si cercano competenze specialistiche in soggetti in grado di ampliare il portato del proprio know-how per estenderlo su tutta l'azienda e renderlo efficace sotto più punti di vista. Ecco che emerge il "business thinking", la capacità di pensare l'attività aziendale in maniera digitale a 360° e quindi rendere proficue le competenze tradizionali e innovative in una strategie integrata e di visione più ampia. 
Il processo che le aziende si attendono di attivare grazie all'introduzione di nuove risorse è proprio la contaminazione con l'obiettivo finale di rendere l'azienda rispondente alle esigenze del mercato digitale. 


Iscriviti alla newsletter

Per ricevere via email gli aggiornamenti sui nuovi contenuti e sulle iniziative di Energia Digitale, iscriviti alla newsletter periodica.

Il tuo contributo è importante!

Cercheremo di migliorare continuamente Energia Digitale. Per questo ci farebbe piacere ricevere un tuo parere sul progetto e un suggerimento su quali contenuti ti interessano maggiormente rispetto al digitale. Ci dai una mano?